Michele Serra: Sono uomo di strada e di parola

"Caro diario. Essere un uomo della strada, di questi tempi, è molto impegnativo. Una volta era sufficiente aggirarsi per i bar e sugli autobus borbottando opinioni generiche contro il governo. Ma oggi noi uomini e donne della strada rivestiamo un ruolo sociale di grande delicatezza e rilievo: basti pensare che circa la metà dei palinsesti televisivi è appaltata all'uomo della strada, alle sue opinioni, ai suoi umori. La mia giornata di ieri, davvero massacrante, è la prova provata di quanta fatica e quanta responsabilità gravino sulle nostre spalle.

Ore 9
Neanche il tempo di pettinarmi e già ero a Garlasco, in un capannello tumultuante, per gridare "Maledetto assassino" al Fidanzato dagli Occhi di Ghiaccio che usciva di casa. Ma nella concitazione ho sbagliato capannello, mi sono ritrovato in una coda davanti a un negozio di scarpe da footing e ho gridato "Maledetto assassino" a un commesso che stava aprendo la serranda. Fortunatamente era presente una troupe del Tg5 che stava facendo un'inchiesta sul caro-prezzi, e la mia immagine mentre grido insulti con gli occhi strabuzzati e la bava alla bocca non andrà sprecata.
Ore 10
Ho raggiunto il capannello giusto davanti alla casa del Fidanzato. Ho cominciato a gridare "Maledetto assassino" già un paio di isolati prima, ma quando sono arrivato sul posto mi hanno detto che il Fidanzato era appena stato scarcerato e dunque si doveva cantare tutti insieme "Perché è un bravo ragazzo". Abbiamo cantato "Perché è un bravo ragazzo" fino a mezzogiorno, quando è scattata la pausa pranzo per le troupe dei telegiornali.

Ore 13
Al bar abbiamo visto un tigì che confermava gli indizi di colpevolezza a carico del Fidanzato. Abbiamo deciso di dividerci in due gruppi di uomini della strada: uno che gridava "Maledetto assassino" e l'altro che cantava "Perché è un bravo ragazzo". Siamo finiti in un servizio di approfondimento dal titolo 'L'opinione pubblica è divisa'.

Ore 15
Il nostro gruppo considera esaurito, per adesso, l'argomento delitto di Garlasco. Ci riuniamo con i giornalisti presenti per decidere come ottimizzare il tempo a disposizione. Si decide di dividerci in Commissioni Tematiche. Alcuni di noi rilasciano dichiarazioni violentemente ostili sugli zingari e marciano su un campo nomadi muniti di torce, altri danno vita a un vivace alterco di strada pro e contro l'Alta Velocità, altri ancora rispondono a domande sui principi della termodinamica. Vengono individuati, e subito allontanati, alcuni intrusi che conoscono perfettamente la materia trattata: uno è un docente di termodinamica, viene salvato a stento dall'indignazione dei veri uomini della strada presenti. Esiste un'etica inviolabile, tra gli uomini della strada: bisogna parlare esclusivamente di cose delle quali non si sa un cazzo, altrimenti è sleale.

Ore 17
La fatica comincia a farsi sentire, ma l'orgoglio dell'uomo della strada può fare miracoli. Un'anziana tabaccaia risponde "Io sto con Beppe Grillo" a una domanda sul terzo principio della termodinamica. Un pensionato grida "Birmania libera!" a un giornalista che gli chiedeva se riesce ad arrivare a fine mese. Una coppia di impiegati accusa i Ris di Parma di essere responsabili del carovita. È un trionfo. I direttori dei telegiornali ci fanno sapere di essere molto orgogliosi delle nostre risposte a capocchia.

Ore 20
Una cena sociale ci viene gentilmente offerta dall'Ordine dei giornalisti. Vengono premiati alcuni veterani: una signora che negli ultimi anni ha già rilasciato opinioni di strada su Cogne, sull'alluvione in Valtellina, sul caso Moggi e sul riscaldamento del pianeta viene abbracciata dal direttore di 'Studio Aperto' che le propone la conduzione di un programma di approfondimento. Ma il vero eroe della serata è un ex barelliere, quasi centenario, che gridò "Basta!" per la strada già a Claudio Villa dopo il Festival di Sanremo del '59. Il suo filmato, mai andato in onda, è stato ritrovato nelle teche Rai.

Ore 23
Viene deciso, tra gli applausi, che il prossimo capannello di uomini della strada prenderà posizione ai margini di un ghiacciaio alpino, gridando "Vergognati!" al ghiacciaio che si sta sciogliendo. Tutti i telegiornali italiani assicurano la loro presenza.
Michele Serra

Michele Serra

Michele Serra Errante è nato a Roma e cresciuto a Milano. Ha cominciato a scrivere a vent’anni e non ha mai fatto altro per guadagnarsi da vivere. Scrive su ...

Vai alla scheda >>

Scopri il negozio Feltrinelli più vicino a te