Per i suoi cinque anni, il giovane Albert Einstein riceve in regalo dal padre una bussola. Questo semplice evento accenderà nel bambino un bisogno assoluto di conoscere le leggi dell’universo. Nel 1905, diventato un semplice impiegato dell’Ufficio Brevetti di Berna, pubblicherà una serie di articoli scientifici che rimetteranno in discussione tutto ciò che il mondo credeva di sapere nell’ambito della fisica. La sua teoria, riassunta nella formula E = mc2, rivelerà tutta la potenza dell’atomo. Genio fra i geni, ma anche appassionato umanista, Einstein attraverserà la prima metà del XX secolo con tutti i suoi orrori e le sue contraddizioni, sempre al servizio della scienza, ma anche profondamente scosso da ciò che la follia dell’uomo è in grado di realizzare. Questa è la sua storia.

Albert Einstein e la sua “poesia della realtà ”, vale a dire la capacità, attraverso la percezione, di cogliere le infinite sfumature del creato, visto come un luogo in cui si intrecciano continuamente scienza e umanesimo. È questa la visione di uno dei più grandi geni di tutti i tempi, raccontata, dall’infanzia fino alla maturità, tramite splendide tavole che sanno catturare tutta la passione e il talento, ma anche le contraddizioni, dello scienziato che probabilmente ha influenzato maggiormente la nostra epoca, al punto da diventare un’icona pop. Celebri, a volte più delle sue teorie rivoluzionarie, le tante frasi che indicano una concezione della vita entusiasta, sempre improntata a una grande sensibilità, a un senso di comunione con tutti gli uomini e, soprattutto, a un’insaziabile fame di conoscenza. «Il più bel sentimento al mondo è il senso del mistero. Chi non ha mai conosciuto questa emozione, ha gli occhi chiusi.» Albert Einstein

Manuel Garcia Iglesias

Marwan Kahil

Dettagli

Marchio: 
GRIBAUDO
Data d’uscita: 
Febbraio, 2018
Collana: 
Fumetti
Pagine: 
128
Prezzo: 
12,90€
ISBN: 
9788858019559
Genere: 
Varia 

Approfondimenti