C’è Manuel, che arriva tutte le domeniche mattina che Dio manda in terra su un enorme gippone, con le sue felpe firmate e gli scarponi cingolati, a volte accompagnato da Stefy Forever. C’è un funerale che si allinea compostamente, governato – siamo in campagna – dalle donne attive, consapevoli, adeguate, circondate dagli uomini spaesati e privi di ruolo. Ma quando al cimitero si scopre che la lapide sborda di qualche centimetro, ecco che i maschi trasformano l’occasione in un insperato cantiere, armati di flessibile e di smeriglio. C’è Mira col suo innamorato. Vanno ogni giorno a bere il caffè dal signor Ludden, su un vecchio divano di broccato, davanti alla tv accesa. Ma perché ci sono venti gradi sotto zero a casa del signor Ludden? E poi ci sono il graffitaro e il vecchio Saletti che vuol pregare e non crede in Dio, la devastante happy hour dei signori Mauser e il grande pianto di un bambino per la prima volta di fronte alla morte. Bizzarre cerimonie laiche, storie divertenti e malinconiche raccontate da un grande osservatore del mondo e di se stesso.

  • 2002 - Premio Procida - Premio Procida

Michele Serra

Michele Serra

Michele Serra Errante è nato a Roma e cresciuto a Milano. Ha cominciato a scrivere a vent’anni e non ha mai fatto altro per guadagnarsi da vivere. Scrive su “la Repubblica”, “L’Espresso”, “Vanity Fair”. Scrive per il teatro e ha scritto per la televisione. Ha fondato e diretto il settimanale satirico “Cuore”. Per Feltrinelli ha pubblicato, tra l’altro, Il nuovo che avanza (1989), Poetastro (1993), Il ragazzo mucca (1997), Canzoni politiche (2000), Cerimonie (2002), Gli sdraiati (2013), Ognuno potrebbe (2015), Il grande libro delle Amache (2017) e La sinistra e altre parole strane (2017).

Scopri di più >>

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Marzo, 2014
Collana: 
Universale Economica Ristampa in prenotazione
Pagine: 
144
Prezzo: 
7,00€
ISBN: 
9788807884115
Genere: 
Tascabili 

Approfondimenti

Tutti i successi di Michele Serra

La lingua della satira ci salverà dalle menzogne. Claudio Magris ne discute con Michele Serra

Michele Serra vince il Premio letterario Procida