Lei, la ragazza, è un’aspirante modella che si guadagna da vivere come può. Lui, Milo One Way Montero, è un pugile che conosce una sola direzione, andare avanti, e che andando avanti ha conquistato il titolo di campione del mondo. I due si incontrano, si annusano, si perdono. Quando si ritrovano, lui porta sulle spalle il peso di una bruciante sconfitta e di un’operazione all’occhio che lo ha reso più fragile; lei sembra pronta a farsi custode di quest’inedita fragilità. Parlano la stessa lingua, una lingua fatta di corpi che si intrecciano, di frasi scarne, ma soprattutto di gesti: lei copre con la mano l’occhio di lui, lui fa altrettanto con quello di lei. “Mi vedi?” si chiedono. E finché continuano a vedersi – malgrado le paure di lui, malgrado l’inafferrabilità di lei – il resto è solo rumore di fondo.
Ma quel rumore c’è, e interferisce. C’è la provincia post-industriale italiana che Milo si è lasciato alle spalle. C’è il grande ritorno sul ring da preparare con il sostegno di un intero clan. E c’è Irene, la sorella di Milo, che gestisce l’impero economico nato attorno al brand One Way, ed è pronta ad andare contro chiunque minacci di ostacolarla o anche soltanto di intromettersi.
A osservare il clan Montero, Leo Ruffo, giovane scrittore ingaggiato da Irene per raccontare la vita del campione. E il biografo allora diventa confidente, testimone di quanto accade dentro e fuori dal ring. Ma da che parte stare? Da quella di Irene, disposta a tutto pur di tenersi stretti la ricchezza e i privilegi faticosamente conquistati? O da quella della ragazza, che adesso cerca redenzione e giustizia attraverso la vendetta?
Alessandro Mari scrive con commovente nettezza una storia spietata e poetica che riverbera le luci del ring, ma che di fatto si consuma nell’ombra poco oltre la scena. Una favola nera sulla lotta tra purezza e compromessi dell’anima.

È il fatto di vedere, mette giù sul taccuino. Vedere o non vedere la vita che ti viene addosso.

 

  • Amore & guantoni... una storia contemporanea sul conflitto tra ideali e compromessi quotidiani.

  • Cronaca di lei racconta quel che succede quando la partita si sposta fuori dal ring.

  • Il mondo della boxe oltre il ring.

  • Il mondo della boxe oltre il ring.

  • Una storia di tentativi di riscattarsi da vite misere, da passati scomodi...

  • Stile assolutamente originale e ammirevole.

  • Nel libro si legge: «La boxe è un'arte». Vero, come la narrativa, nelle cui pagine Alessandro Mari lotta molto bene.

  • Una scrittura rara, potente, letteraria, difficilmente comparabile a un altro autore italiano: Alessandro Mari, al suo quarto romanzo, ci consegna il suo miglior libro.

  • Una storia che sa di sudore e linimenti, canfora e sangue.

  • Attimi intensi, momenti di passione, intrighi e inganni.

  • La favolosa fanciulla piovuta dal nulla aiuta il boxeur a ritrovare il colpo del ko.

  • Mari ambienta la sua storia nel mondo dello sport più esistenziale e più letterario che ci sia. E ci ricorda come nei rapporti umani vincere o perdere è meno facile che sul ring.

  • L'eterna lotta tra ideali e compromessi narrata come una favola nera.

  • Una storia piena di splendente durezza, come un pietra preziosa acuminata e luminosa.

  • Un amore che si infila tra le corde del ring, e fa da sfondo a una storia di sconfitte e malavita per un campioncino di boxe.

Alessandro Mari

Alessandro Mari

Alessandro Mari (1980) è narratore e traduttore. Con Troppo umana speranza (Feltrinelli, 2011), suo esordio narrativo, si è imposto all’attenzione di pubblico e critica vincendo il Premio Viareggio-Rèpaci. Ha poi pubblicato Gli alberi hanno il tuo nome (Feltrinelli, 2013), L’anonima fine di Radice Quadrata (Bompiani, 2015), Cronaca di lei (Feltrinelli, 2017) e la graphic novel Randagi (Rizzoli-Lizard, 2016). I suoi lavori sono tradotti in Europa e in Sudamerica. Ha inoltre firmato e condotto programmi di cultura per la televisione.

Scopri di più >>

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Agosto, 2017
Collana: 
I Narratori
Pagine: 
304
Prezzo: 
17,00€
ISBN: 
9788807032318
Genere: 
Narrativa 

Approfondimenti

Alessandro Mari si racconta su “Freeda”