“La primavera morbosa tristemente ha scacciato, / il lucido inverno, stagione dell’arte serena, / e nel mio essere che il cupo sangue governa / l’impotenza si stira in un lungo sbadiglio.
 Crepuscoli bianchi si scaldano sotto il mio cranio / che un ferreo cerchio stringe come un vecchio sepolcro, / ed erro triste, inseguendo un bel sogno vago / nei campi ove sfoggia Io sterminato germoglio.”
 
CON IL TESTO ORIGINALE
 
Sei convinto che un verso contribuisca al potente spettacolo del mondo? Assapora Zoom Poesia: piccole, preziose antologie di testi editi e inediti in eBook. Da gustare un verso alla volta.

Stéphane Mallarmé

Stéphane Mallarmé

Stéphane Mallarmé nasce a Parigi nel 1842; a cinque anni perde la madre; nel 1857 muore l'amata sorella Maria. Ottenuto il baccalaureato, Mallarmé si impiega presso il Registro di Sens; la lettura delle Fleurs du Mal di Baudelaire. usciti in II ed. nel 1861, suscita in lui una viva impressione, determinante per la sua formazione letteraria: del 1862 è l'articolo Hérésies artistiques. L'art pour tous. Nel giugno conosce Maria Christina Gerhard, che sposerà a Londra il 10 agosto 1863; al periodo londinese risalgono le prime traduzioni di E. A. Poe. Rientrato in Francia, ottiene l'abilitazione all'insegnamento dell'inglese. Nel 1864 nasce la figlia Geneviève. Al novembre 1866 risale la prima lettera di Paul Verlaine, che segna l'inizio di un'amicizia profonda e duratura. Seguono, dal 1868 al 1871, gli anni disperati della crisi religiosa e ideologica; il poeta è inquieto, si dedica allo studio delle lingue semitiche, si interessa di scienze naturali e di egittologia, da cui trae nuovi suggerimenti simbolici. Nel luglio 1871 nasce il figlio Anatole; in ottobre olliene l'incarico d'inglese al liceo Fontanes di Parigi. È il periodo più creativo di Mallarmè, conosce Rimbaud, Manet e gli impressionisti; Sotto pseudonimi femminili cura una rivista, La Dernière Mode; nel 1876 pubblica l'Après-midi d'un Faune. Nel 1879 gli muore il figlioletto Anatole. Crescono intanto, intorno a lui, consenso e ammirazione: poeti e amici, tra cui A. Gide, P. Valery e O. Wilde, si riuniscono nella slla casa ogni martedì sera sono i Mardis de la rue de Rome. Del 1885 è la lettera a Verlaine, nota come "Autobiografia"; nel 1887 esce la prima raccolta delle sue Poésies e nel 1897 l'edizione definitiva delle prose (Divagations); nel 1894, stanco e malato, aveva lasciato l'insegnamento. Ritiratosi a Valvins, muore nel 1899.

Scopri di più >>

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Maggio, 2017
Collana: 
ZOOM Poesia
Pagine: 
322
Prezzo: 
1,99€
ISBN: 
9788858855041
Genere: 
E-book